venerdì 11 settembre 2015

Recensione "Ti lascio ma restiamo amici", by Molly McAdams


Titolo: Ti lascio ma restiamo amici
Serie: The Taking Chances Series
Autrice: Molly McAdams
Editore: Newton Compton Editori
Genere: New Adult
Prezzo: 9,90 €
Pagine: 501

Molly McAdams vive in Texas con il marito e i suoi animali, le piacciono i film comici e ama stare nella quiete del suo letto durante un temporale o immergersi in una vasca da bagno quando sta per arrivare un tornado. (Solo io non trovo normali queste descrizioni?!)


Vi avviso, probabilmente sarò piuttosto prolissa, ma per capire bene ciò che penso sarete costretti a leggere fino alla fine...altrimenti i miei minions saranno pronti a venire lì e punirvi per non aver letto tutto!



Raccontare la trama di questo libro è parecchio complicato perché il libro sembra letteralmente spaccato in due, la prima parte e la seconda parte sembrano  due libri diversi tra loro, raccontare quindi la trama del primo vi fa avere un'idea del libro che nella seconda parte si perde totalmente; per dare un'idea invece della seconda parte dovrei fare spoiler, ma sono talmente grossi e importanti gli avvenimenti che non si può dire nulla senza raccontare tutto!
Lo so, lo so... Quello che sto dicendo non ha proprio senso ma fidatevi di me, se mai doveste decidere di leggere questo libro sappiate che vi troverete davanti a due storie diverse, infatti dopo pagina 304 (non correte a leggere cosa succede!!!!!!!!!!!) tutto cambierà!

Andiamo per gradi, ok... La protagonista e voce narrante è Harper, diciottenne in procinto di partire per l'università e cresciuta attorniata da centinaia di Marines poiché suo padre (oltre ad essere uno di loro) li addestra.
Le esperienze di vita di questa ragazza si limitano a ciò che è consentito vivere in un campo di addestramento militare: allenamenti, compiti, lavoro, fratellanza.
Harper cambia la sua vita non appena partita per l'università, con la sua nuova compagna di stanza Bree inizia a frequentare la casa di Chase (fratello di Bree) e tutti coloro che ci vivono compresi Brandon ed appunto Chase.
La ragazza si troverà a vivere le prime esperienze con i nuovi amici e proverà per la prima volta in vita sua l'amore... Per due ragazzi contemporaneamente.
Brandon e Chase infatti riusciranno a conquistare entrambi il suo cuore mettendola quindi di fronte ad una scelta: scegliere la dolcezza e la sicurezza che Brandon le dona o vivere l'avventura e il pericolo che il tatuato Chase le offre?

Credo a questo punto di poter cominciare la mia semiseria analisi dicendo che, mi pare scontato che io nonostante tutto sicuramente sceglierei Chase: lei si è sentita attratta dal primo momento da questo alto ragazzo tutto tatuato e con gli occhi blu ed io con lei.
Se però tra loro c'è un rapporto di amore-odio (di quelli che piacciono a me!) dall'altra parte si contrappone il bel Brandon, un lottatore clandestino dai modi gentili e premurosi nei confronti di tutti e soprattutto di Harper; tra loro sembra amore a prima vista.
Ed è subito che io inizio a non capire questo libro e neppure la protagonista: Harper da maschiaccio ingenuotto che è si trasforma in una sola sera (la prima sera in cui arriva all'università grazie a Bree, che conosce da dieci minuti) in una sexy e sveglia ragazza/seduttrice.
Nell'arco di venti pagine lei è già la più corteggiata del campus ed è inseparabile da Bree: il personaggio che incontriamo è superficiale, di cui non riusciamo a cogliere il vero cambiamento, nel senso non abbiamo idea di come realmente fosse prima... lei cambia subito, un battito di ciglia ed è una persona nuova! Puf!

Pochi giorni dopo aver iniziato a frequentare l'università, Bree, Chase e la confraternità conosce Brandon, e dal primo istante è amore! Si conoscono da due giorni e già condividono il letto (solo per dormire!) e praticamente lei inizia a vivere con lui... Ripeto dopo due dannatissimi giorni!
Il rapporto con Chase invece, come dicevo prima, è un rapporto di amore-odio: un giorno si odiano, il giorno dopo lei non riesce a respirare se lui le rivolge la parola ed è inevitabile che alla fine tra loro finalmente accada qualcosa.
Quindi, paradossalmente, il rapporto più sano che vive Harper - a parer mio - è proprio quello con Chase, perchè quanto meno ci mette del tempo a nascere e crescere; con Bree ci vogliono due minuti per diventare migliori amiche (lei addirittura chiama i genitori dell'amica 'mamma' e 'papà' e si trasferisce, visto alcune situazioni che non posso spiegare senza farvi degli enormissimi spoiler, a casa loro) e con Brandon ci vuole un solo mezzo appuntamento per innamorarsi di lui e pensare già a fare una famiglia insieme.

Credo si capisca abbastanza che la protagonista a me non piace, mi sembra vuota e superficiale e un po' troppo volubile, come una bandiera va dove tira il vento e si adatta agli altri perdendo di personalità. Ah, si lamenta sempre, e piange sempre, e dai su 'scrollati da dosso che pesi'! E per quando l'autrice voglia farmi credere che lei sia innamorata di Brandon e anche di Chase io non ci credo proprio: le sensazioni che prova con Chase sono una spanna sopra quelle che prova con Brandon e qui io deduco che le piacciano i modi dolci e gentili che il bravo ragazzo ha per lei ma che il suo cuore batta solo ed esclusivamente per il biondo tatuato, che per lei affronta un processo di crescita e cambiamento diventando in assoluto il mio personaggio preferito all'interno della storia,

A metà del libro però tutto cambia, l'autrice prende una decisione ORRIBILE ed insensata ed la storia cambia direzione, diventando (giuro...) una noia mortale, procede in maniera lenta e scontata e la ragazza dimostra davvero di non riuscire a stare da sola per più di una settimana. Se la prima parte l'ho letta volentieri (più o meno), la seconda parte è stata un vero calvario, avrei voluto strappare le ultime 200 pagine e fingere che il libro fosse finito dopo l'evento sopracitato.


Non so se quello che ho scritto rende l'idea, ma se non vi ha scoraggiata ciò che ho scritto, e siete comunque intenzionati a leggere questo libro preparate le armi e partite con me alla ricerca della McAdams per fargliela pagare per quello che ha fatto!

Dovrei dare un voto, mi verrebbe voglia di dare due voti diversi e credo sia meglio perchè io ho considerato davvero il libro spaccato in due: libro uno - il triangolo , libro due - la noia.

Quindi, il voto per il libro uno - il triangolo (anche se lei non mi piace per niente) direi che mi è piaciucchiato e si becca tre pallini, anche se non proprio pieni pieni... Arrotondiamo per eccesso va'.


Mentre, libro due - la noia non lo classificherei nemmeno se potessi, ma si becca un solo pallino!


Se qualcuno lo ha letto, e non la pensa come la penso io... Vi prego ditemelo, e spiegatemi il vostro punto vi vista, magari sono io che sono un po' ottusa e alcune cose non le ho comprese!

Chiara


4 commenti:

  1. Ciao Chiara!!!Hai sentito la mancanza dei miei commenti demenziali?...speravi di esserti definitivamente liberata di me?...Invece no!!!Rieccomi (ero solo in ferie e connettermi era un vero delirio!!!)!!!Cioè questo feed è splendido...mi è troppo piaciuto!!!E,anche se dalla tua analisi,posso dedurre che questo libro è a dir poco angosciante,così come l'hai presentato mi ha incuriosita molto...da un lato mi scoccia spendere i soldi per un romanzo di poco conto ma dall'altro mi attira!!!Va bhe risolto sto dubbio amletico,se lo compro ti farà sapere!!!A parte tutto brava per la recensione!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Valentina! I tuoi commenti (che non trovo per nulla demenziali!!!!) mi sono molto mancati! Grazie per essere tornata nel mio antro :)
      All'inizio ti dico la verità, la storia mi piaciucchiava anche abbastanza, insomma la presenza di Chase bastava a farmi leggere questo libro... Se non ci fosse stato lui probabilmente avrei mollato dopo le prime 50 pagine... Lei, da un giorno all'altro diventa una figacciona paura e tutti gli uomini del mondo la adorano, ma questo è il clichè tipico di questo tipo di letture e ci sta... aggiungici però che ha la lacrima supermegaiperfacile e che ha -sempre per quanto riguarda il mio modesto parere- la personalità di un ventilatore.
      Voglio dire, hai due bei fustacchioni tra cui barcamenarti santo cielo dimostra che quello che provano per te non nasce solo dal fatto che tu sia bellissima... facci capire che hai anche una bella testolina!
      Poi Vale, ti dico sinceramente, a metà del libro avrei voluto spaccare qualcosa, credo che poche siano le storie che mi abbiano lasciato tanto amaro in bocca come questa!

      Elimina
  2. insomma un libro da non perdere xD

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao mia omonima amica! Benvenuta!
      Ti dico la verità, all'inizio, dati i presupposti che la trama dava ero tutta contenta all'idea di leggere questa storia, ma poi, una volta iniziata...
      Harper è un personaggio a parer mio insipido, dall' oggi al domani diventa una mezza mangiatrice di uomini e si preoccupa di trucco e capelli come se non ci fosse un domani... Fino al giorno prima pensava che 'ombretto' fosse un nome alternativo ad ombrello ed ora la sua vita, senza riempirsene la faccia, è vuota!
      Poi l'autrice, probabilmente con un tasso alcolico molto sopra la media, prende una decisione spiazzante ed assolutamente assurda che ti fa venire realmente voglia di costruire una bambolona woodoo e torturarla come se fosse la McAdams!

      Elimina